Translate my blog. ღ

domenica 1 giugno 2014

Recensione : La solitudine dei numeri Primi di Paolo Giordano.

Ciao a tutti cari amici lettori ! :)
Eccoci qui con una nuova recensione su un libro che è stato "acclamato" un pò da tutti !
Vediamo insieme di cosa di tratta ! :)



Titolo : La solitudine dei numeri primi
Autore : Paolo Giordano
Prezzo : 14,90 Euro
Editore : Mondadori
Pagine : 312
Genere : Letteratura Italiana









Trama :

Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. La lasciamo sulla neve credendo che morirà assiderata. Invece si salva, ma resterà zoppa e, soprattutto, segnata per sempre. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi compagni e, per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che lei lo aspetterà. Mattia non ritroverà più Michela. In quel parco, Michela si perde per sempre. Le vite di Alice e di Mattia, due esistenze segnate, si incroceranno. Diventeranno, Alice e Mattia, adolescenti, giovani, adulti.



La mia recensione 

"Perché aveva paura ad ammetterlo, ma quando era con lei sembrava che valesse la pena di fare tutte le cose normali che le persone normali fanno."
Un libro che ha fatto successo scritto da uno scrittore giovane, ho sempre voluto leggerlo, mi ha sempre incuriosito come storia. Finalmente sono riuscita a leggerlo e vi devo dire che mi aspettavo un pò di più soprattutto sul finale ! Non ho visto il film, ma questi due personaggi cosi simili si incontrano e da li nasce una bella amicizia che poi come in tutti i rapporti diventa amore. Sia Alice che Mattia sono stati colpiti da due gravi incidenti che in qualche modo li ha sconvolti ! 

" Se lui si fosse spostato, lei l'avrebbe percepito in qualche modo. Perchè lei e Mattia erano uniti da un filo elastico e invisibile, sepolto sotto un mucchio di cose di poca importanza, un filo che poteva esistere soltanto fra due come loro : due che avevano riconosciuto la propria solitudine l'uno nell'altra. 

Una delle frasi che mi ha colpito di più durante la lettura di questo libro. 
Alice ha subito un grave incidente andando sugli scii ( anche se non amava affatto fare questo sport ) e Mattia quando era in giovane  età ha perso la sua sorellina per causa sua, non entro nei dettagli ! 

"Parlavano poco, ma trascorrevano il tempo insieme, ognuno concentrato sulla propria voragine, con l'altro che lo teneva stretto e in salvo, senza bisogno di tante parole."
da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/amore/frase-163073?f=w:2198>
Come storia ti prende certo, però non so mi sono fatta dei castelli su questo libro, visto che tutti me ne parlavano bene. Non l'ho trovato maluccio, mi aspettavo un pò di più ! Il finale è troppo banale secondo me, a me piacciono i lieto fine e le storie impossibili !

"C'era qualcosa, che le faceva venire voglia di avvicinarsi, di sollevargli il mento e di dirgli guardami, sono qui."
(Le citazioni le ho prese dal libro durante la lettura) 

Lettura molto scorrevole ! Sarei curiosa di sapere come l'avete trovato !! :)


La mia votazione :




Un bacione !
Buone letture a tutti.


She's a bulimic girl of books.

Noemaccia Amélie_ 




Nessun commento:

Posta un commento